Maria Rosa Callà Raschellà
Profumo di pane caldo

Prefazione di Marcello Vaglio

Postfazione di Lina Aresu

"Lascerò che altri vada in cerca di accostamenti ai tanti poeti, più riconducibili o meno al neorealismo meridionale novecentesco, ai quali le origini calabresi di Maria Rosa Callà possono suggerire o confermare qualche prossimità. A lui la gloria, o gloriola, di citare filze di nomi. A me rivendico il merito di aver saputo riconoscere, nei versi di Profumo di pane caldo, la poesia onesta del celebre monito di Umberto Saba.
Poesia onesta, perché sempre scritta in presenza di una passione vera e reale: la passione per la sincerità, dovere irrinunciabile del poeta. E passaporto legittimo per i territori di quella che Paul Verlaine osò chiamare poesia assoluta."


Pubblicato il 28/01/2013
pagg. 00
formato cm. 15 x 21
Collana HORTUS LIGUSTICUS
ISBN 9788895010752

Prezzo di Copertina € 15.00



Quantità: