Bruno Lauzi
Tanto domani mi sveglio
Autobiografia in controcanto

Bozzetti e ritratti a tutto tondo, aneddoti e retroscena piccanti o patetici, piccole e grandi miserie individuali, eventi drammatici (la vicenda Tortora, il suicidio di Tenco), avvenimenti politici (la “discesa in campo” di Berlusconi vista da un’angolatura privilegiata e originalissima), giudizi critici acuti e impietosi, rancori e affetti pubblici e privati si intrecciano nel racconto che Lauzi dipana sul filo della memoria e di una indomita passione etica. Ne emerge un’immagine nitida, anche se non sempre edificante, del mondo della musica e dello spettacolo – non solo italiani – dell’ultimo cinquantennio: ove il talento e talvolta la genialità degli artisti coesistono con limiti umani che lo sguardo di Lauzi – di volta in volta severo, dolente, feroce – mette a nudo e denuncia: senza fare pettegolezzi, ma senza risparmiare nessuno, tantomeno se stesso.

Personaggio scomodo e senza reticenze, Lauzi non cerca mai di essere simpatico ma sempre e solo sincero; con questa «autobiografia in controcanto» ci offre un libro avvincente e importante: mentre racconta a modo suo, con amore e furore, “l’altra faccia della verità”, quella mai detta sinora, Lauzi traccia la storia o meglio la controstoria di cinquant’anni di musica e di costume in Italia.



Pubblicato il 07/05/2019 in distribuzione
pagg. 262
formato cm. 14 x 21
Collana: I CLASSICI
Genere: Biografie / Autobiografie
ISBN 9788899415587

Impossibile aggiungere al carrello: il libro non è attualmente disponibile